Accademia Aperta - Chi siamo

I corsi di Accademia Aperta: l’Arte vista da una diversa prospettiva

Dal 2008 l’associazione culturale Accademia Aperta – aperta perchè accessibile a tutti, giovani e meno giovani… – organizza corsi di pittura per promuovere la diffusione della cultura per l’arte.

La qualità dell’offerta formativa è assicurata dalla presenza di docenti esperti e dalla collaborazione consolidata con una istituzione come l’Istituto Artistico Fanoli di Cittadella, che da sempre ospita nelle proprie aule le lezioni dei corsi.

I docenti sono esperti qualificati nella loro disciplina di insegnamento e con un curriculum considerevole: professionisti affermati e riconosciuti nella realtà artistica contemporanea, anche a livello internazionale. Agli allievi, chiedono di apprendere le diverse tecniche, ma anche di allenarsi per acquisire la capacità di leggere un’opera d’arte, di sviluppare un personale senso estetico, un proprio gusto artistico.

La sede dei corsi, è il liceo Artistico Fanoli. L’Istituto, oggi guidato dall’ing. Roberto Turetta, riconoscendo la qualità e la peculiarità dei corsi organizzati dall’associazione, mette tuttora a disposizione aule e attrezzature, per le lezioni: dunque, una sede prestigiosa, divenuta famigliare e molto gradita agli allievi.

La conferma che la strada seguita è quella giusta, arriva proprio dagli allievi che hanno frequentato nel tempo, i corsi di Accademia Aperta: oltre 300, i quali scelgono di iscriversi per più annualità e che arrivano anche da fuori le mura cittadine, dalle province di Padova, Treviso, Vicenza, ecc.

Peraltro, l’associazione rilascia al termine di un triennio, un diploma di partecipazione, su richiesta degli interessati.

Il programma dei corsi comprende anche altre iniziative culturali. In quest’ottica si collocano le visite ai principali musei e alle mostre d’arte organizzate in Italia. A chiusura corso, Accademia Aperta organizza presso la chiesa del Torresino di Cittadella, una esposizione con i migliori lavori realizzati durante l’anno dai partecipanti. Progettata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, la mostra prevede l’intervento di un critico d’arte, o di un addetto ai lavori, e ogni anno registra un notevole afflusso di visitatori.